Home Pericoloso smottamento davanti al baluardo San Giovanni
Please wait while JT SlideShow is loading images...
Padova SotterraneaA Wall Play 2015ConferenzeFAImarathon 2012Il Grande Gioco 2015PubblicazioniMostra 500° 2014Mostra 1509-2009Mostra 500° 2014Le mura disvelate 2013Le mura disvelate 2014Le mura disvelate 2013Pulizia 2014MMM 2016MMM 2016MMM 2016
YoutubeFacebook
Pericoloso smottamento davanti al baluardo san Giovanni Stampa E-mail

(5 aprile 2013) - I giornali hanno riportato la notizia dello smottamento verificatosi nell'area a prato all'esterno del baluardo San Giovanni, con relativo cedimento del muretto di contenimento, che ora rischia di crollare nella Fossa Bastioni, con le conseguenze che non è difficile immaginare per le acque della canaletta, collettore di acque "varie". E senza contare i possibili riflessi sulla faccia del bastione.
I tecnici sono accorsi subito e confidiamo che in qualche modo si porrà rapidamente rimedio all'emergenza, anche se resta da vedere come e chi se ne dovrà occupare, visto che l'area è privata.
Al di là dell'emergenza però, l'occasione, come ha dichiarato il nostro presidente Adriano Verdi, sarebbe buona per cominciare a fare quello che il Comitato Mura auspica da tempo: riportare, dove possibile, al suo livello originario la fossa che accompagnava le mura all'esterno. Attenzione, la "fossa", che non è la canaletta oggi chiamata impropriamente Fossa Bastioni (casomai "fosso"), ma quell'estensione di terreno erboso a pelo d'acqua che circondava la cinta muraria e poteva essere facilmente e velocemente allagata in caso di attacco del nemico, trasformandosi in fango per impedirne l'avvicinamento. Esiste ancora lungo vari settori della cinta, a un livello più o meno prossimo a quello originario: il tratto meglio conservato è quello all'esterno del baluardo Cornaro.
Ripristinarne il livello attorno a tutta la cinta (là dove possibile) ridarebbe alle mura quella monumentalità che hanno in buona parte perduto. E creerebbe, come effetto secondario ma da non sottovalutare, un grande bacino di compensazione in caso di piena del Bacchiglione o del Brenta. cosa che di certo non guasterebbe.
Al bastione San Giovanni l'operazione sarebbe facile e del tutto "indolore": basterebbe abbassare di un paio di metri o forse tre il prato, che è del resto inutilizzato e vincolato ad area verde.
L'occasione è buona, lo ripetiamo: chissà se l'Amministrazione la vorrà cogliere? Oppure se ascolterà invece la voce del proprietario, intenzionato a realizzare lì un parcheggio, tanto "non credo che le automobili diano fastidio alle Mura…".
Quando si dice scontro di civiltà.

Post scriptum: nelle foto pubblicate dai giornali si nota anche come il bastione sia in buona parte coperto da rampicanti: non sarebbe il caso di ripulirlo? Così forse si noterebbe perché le automobili, lì, darebbero proprio molto fastidio...

 

Gli articoli dei giornali (cliccare per leggere)

Il Gazzettino 4 aprile 2013 Il Mattino 4 aprile 2013 Il Gazzettino 5 aprile 2013 Il Gazzettino 5 aprile 2013 Il Mattino 5 aprile 2013

 

Alcune vedute aeree del bastione di San Giovanni (da Bing Maps)

vista_aerea_ovest_tvista_aerea-sud_t

 

 

 
 
separator.jpg
separator.jpg

I nostri libri

Novità in libreria

PRIMA PAGINA

Archivio notizie comunicati appuntamenti