Please wait while JT SlideShow is loading images...
Padova SotterraneaA Wall Play 2015ConferenzeFAImarathon 2012Il Grande Gioco 2015PubblicazioniMostra 500° 2014Mostra 1509-2009Mostra 500° 2014Le mura disvelate 2013Le mura disvelate 2014Le mura disvelate 2013Pulizia 2014MMM 2016MMM 2016MMM 2016
YoutubeFacebook
Torrione della Gatta o di Codalunga Stampa E-mail

Detto anche bastione di Codalunga (Coalonga), dall'omonimo quartiere della città medievale, acquisì il nome con cui è oggi meglio conosciuto durante l'assedio di Padova Gatta ad opera dell'esercito dell'imperatore Massimiliano nel 1509, nel corso della guerra della Lega di Cambrai contro Venezia, quando i difensori appesero in cima a un'asta un drappo che avrebbe dovuto raffigurare il leone di San Marco, ma che, malriuscito, venne beffardamente additato da tutti come una gatta. Tale drappo venne rubato una notte da un soldato spagnolo, che ricevette da Massimiliano un dono di cento scudi e la possibilità per i suoi connazionali di tentare per primi l'attacco (il 26 settembre): cosa ambita, vista la ricompensa di 10.000 scudi d'oro promessa dal cardinale Ippolito d'Este, per conto del Papa, alla nazione che per prima si fosse impadronita del bastione. Opera del maestro dell'arsenale Nicolò Pasqualigo, e realizzato in gran fretta nell'estate che precedette l'assedio, inizialmente il bastione (con un diametro di 50 m) si innestava su una cortina costituita da un terrapieno compreso fra due palizzate, rinforzato da un'ulteriore palizzata interna mediana. Di fronte si trovava un fosso riempito dall'acqua delle risorgive che si manifestavano appena scavato un metro in profondità, impedendo così agli assedianti lo scavo di gallerie. Contro il bastione furono orientati sei grossi mortai e un grande cannone a lunga gittata; gli furono sparati contro circa 1500 proiettili nella sola giornata del 26 settembre 1509, che lo demolirono quasi completamente. I difensori, tutti cittadini padovani, erano comandati dal capitano Citolo da Perugia e dal suo aiutante Bernardino da Parma. Il 26 settembre gli spagnoli sferrarono l'assalto e riuscirono a occupare la fortificazione; tuttavia Citolo aveva costruito al centro della piazza d'armi del bastione una polveriera e l'aveva riempita di esplosivo, così da poterla far saltare in caso di pericolo, proprio come fece in questo frangente. torrione-della-gattaMigliaia di nemici saltarono in aria e una sortita dei padovani mise in fuga i restanti assedianti. I giorni 28 e 29 settembre le truppe imperiali attaccarono nuovamente in massa, con l'ausilio dei contingenti che fino ad allora avevano badato ad accerchiare la città, sperando che i difensori non potessero più sfruttare il bastione ormai gravemente danneggiato. I padovani invece resistettero e inflissero pesanti perdite al nemico, riuscendo a distruggere anche gli ultimi grandi mortai rimasti. Fallì anche il tentativo di Massimiliano di deviare il Bacchiglione a Limena: i suoi uomini furono fatti prigionieri e gli ufficiali impiccati sul bastione della Gatta.

E' importante chiarire che il bastione della Gatta che oggi vediamo, così come il resto della muraglia veneziana, non è quello che fu direttamente coinvolto nell'assedio del 1509, bensì la sua ricostruzione degli anni immediatamente seguenti. L'attuale bastione sorse leggermente più a sud rispetto alla posizione iniziale e a tale scopo si dovette abbattere la chiesa della Trinità, interna alla porta medievale di Codalunga. Iniziata nel 1510, l'opera si concluse nel 1514 secondo il disegno di Bartolomeo d'Alviano. Solo nel 1523, terminati i lavori di ampliamento, vennero affisse le armi del podestà Leonardo Emo e del capitano Francesco Donato. Il torrione ha un diametro di 54 m e le cannoniere sono oggi sepolte dal riempimento della fossa; sono ancora visibili le due «gatte» inserite nella cortina, di cui una con scudo e leone e l'altra con un topo tra le zampe. Originariamente tali sculture non erano visibili da vicino come oggi, poichè il bastione era circondato da un ampio e profondo fossato che fu interrato a metà Ottocento per la realizzazione dell'attuale viale. La maggior parte della struttura del bastione è quindi oggi sepolta.


La colonna massimiliana

Eretta nel 1764 nel luogo dell'antico bastione che sostenne l'assedio del 1509, una cinquantina di metri più a nord, la colonna fu rimossa una prima volta nel 1845 per permettere la costruzione della ferrovia e ricollocata al centro dell'attuale viale Codalunga. Fu di nuovo spostata nell'attuale posizione negli anni Ottanta del Novecento.
E' costituita da un assemblaggio di parti di diversa provenienza, reca sul basamento la seguente iscrizione: "Qui fu il baluardo ove i nostri con tanto libero sangue sconfitto Massimiliano punirono la infamia di Cambré e l'aggressione straniera - MDIX - XXIX settembre memorabile".

 

Il serbatoio dell'acquedotto, la Rotonda, la cappella

All'interno del bastione è stata realizzata nel 1926 la torre-serbatoio dell'acquedotto della città, che ancor oggi lo sovrasta e lo caratterizza con le sue forme esterna da torre medievale che nascondono un'ardita ed elegante struttura in cemento armato. Lo caratterizza al punto da far credere a molti che la denominazione di bastione della Rotonda, con cui era noto nella prima metà del Novecento, derivasse proprio dalla torre rotonda del serbatoio, costruito in realtà quando la denominazione era già in uso da qualche decennio, perlomeno da fine Ottocento. Si riferiva invece al Teatro della Rotonda, un teatro estivo, con annessa birreria, caratterizzato da una tettoia poligonale. Era la succursale estiva del Salone Hesperia di via Roma, nel 1899 vi fu rappresentata un'opera di Donizetti e già ai primi del Novecento ospitava spettacoli cinematografici. Il cinema all'aperto sul bastione non è quindi una novità di oggi.

Alla base del serbatoio fu ricavata una cappella (accessibile da via Citolo da Perugia) in ricordo delle vittime del bombardamento aereo dell'11 novembre 1916, durante la I guerra mondiale. Gli ambienti interni del bastione erano infatti usati come rifugio dalla popolazione della zona. Quel giorno essi si assieparono nel vano d'accesso alla casamatta nord, essendo quest'ultima  allagata a seguito dell'inondazione che in quei giorni aveva colpito alcune aree della città. Proprio in quel punto cadde una bomba. Novantatre furono le vittime tra quanti furono dilaniati dall'esplosione e quanti annegarono dopo essere stati sbalzati nella casamatta allagata. L'eccidio, che aveva deliberatamente colpito la popolazione civile allo scopo di fiaccarne il morale provocò una tale ondata di indignazione a livello mondiale che per molti mesi i bombardamenti austriaci contro obiettivi non strettamente militari furono sospesi. E' questo l'unico evento bellico in cui il bastione della Gatta sia stato realmente coinvolto.


(cliccare sulle foto per ingrandirle)

valle_gatta fotopiano_gatta bastione_codalunga_t bastione_codalunga_angolo_t bastione_codalunga_stemmi_t gatta_piccola_t bastione_codalunga_decorazioni_t bastione_codalunga_finestra_t bastione_codalunga_gatta_t gatta bastione_codalunga_mensola_t bastione_gatta_mensola_t


La colonna massimiliana

colonna_massimiliana_rusconi colonna_massimiliana


Il serbatoio dell'acquedotto

bastione_gatta_serbatoio gatta_serbatoio serbatoio_interno


La cappella

cappella_gatta_t cappella_pala_t cappella_lampadario_t cappella_lapide_esterna