Home Le mura, gli spritz e la golena
Please wait while JT SlideShow is loading images...
Padova SotterraneaA Wall Play 2015ConferenzeFAImarathon 2012Il Grande Gioco 2015PubblicazioniMostra 500° 2014Mostra 1509-2009Mostra 500° 2014Le mura disvelate 2013Le mura disvelate 2014Le mura disvelate 2013Pulizia 2014MMM 2016MMM 2016MMM 2016
YoutubeFacebook
Le mura, gli spritz e la golena Stampa E-mail

t_IMG_3239(10 novembre 2010) - L'area della golena San Massimo, prospicente il tratto di mura cinquecentesche compreso tra il torrione Buovo e il Castelnuovo è stata data in concessione comunale (delibera GC 2010/0510 del 19/10/2010) dal 27 ottobre 2010 al 2 maggio 2011 per realizzarvi un locale notturno attraverso l'istallazione di una tensostruttura di circa 1200 mq di superficie ed occupando quindi la gran parte della golena stessa. La scelta dell'area e il tipo di iniziativa sono state oggetto di diversi interventi sulla stampa locale nell'ultimo periodo.

In merito a questa scelta e alle strutture realizzate, riportiamo qui sotto il testo preparato dal Comitato Mura ed inviato alla stampa locale.

 

Le roventi polemiche di questi giorni sull'insediamento degli "spritz" in golena San Massimo riportano in primo piano la necessità che vengano individuati dei principi di riutilizzo compatibile con le aree appartenenti al fronte bastionato cinquecentesco di Padova, cioè non solo con le strutture murarie ma anche con gli spalti interni ed esterni, che devono essere considerati un monumento indivisibile.

Già lo scorso inverno il Comitato Mura affermò la propria contrarietà quando alla medesima gestione che oggi andrà ad occupare la golena venne affidato l'interno del bastione Santa Croce: si erano infatti verificati pericolosi fenomeni di sovraffollamento e maltrattamento delle strutture monumentali.

Nella delibera comunale di assegnazione della golena si sono specificate alcune indicazioni di rispetto della cortina muraria e la distanza di cinque metri, ma è indubbio che l'invasività del "palagolena" o "palaspriz" che dir si voglia è intollerabile: siamo ritornati agli ingombri dei capannoni della nettezza urbana rimossi trent'anni fa. Anche la durata della concessione semestrale ad un'attività commerciale (e non certo culturale, come sembrerebbe dalla delibera comunale) è inaccettabile, prefigurando una privatizzazione "strisciante" dell'area.

Sarebbe stato preferibile l'utilizzo dell'area interna libera compresa tra le mura e l'ex Istituto Zooprofilattico salvaguardando almeno la visibilità della cortina muraria esterna.

 

Comitato Mura di Padova

 

Alcune immagini della golena San Massimo (cliccare sulle immagini per ingrandire)

t_castelnuovot_IMGP6454 col sole

t_IMGP6460 rampa dal bassot_IMGP6417

t_IMGP6456 fangot_imgp6430_assialet_IMG_3246

 
 
separator.jpg
separator.jpg

I nostri libri

Novità in libreria

PRIMA PAGINA

Archivio notizie comunicati appuntamenti