Home Il futuro del Castello di Padova
Please wait while JT SlideShow is loading images...
Padova SotterraneaA Wall Play 2015ConferenzeFAImarathon 2012Il Grande Gioco 2015PubblicazioniMostra 500° 2014Mostra 1509-2009Mostra 500° 2014Le mura disvelate 2013Le mura disvelate 2014Le mura disvelate 2013Pulizia 2014MMM 2016MMM 2016MMM 2016
YoutubeFacebook
Il futuro del Castello di Padova Stampa E-mail


Sala di Luigi il GrandeIN PRIMO PIANO >> (30 aprile 2015) - Alla fine ha vinto Manchester e il quartier generale del telescopio SKA non sarà ospitato nel castello carrarese.

La delusione del mondo scientifico è comprensibile e anche quella di chi vedeva nell’operazione possibili ricadute economiche. Ma per il futuro del castello in quanto grande patrimonio pubblico da restituire alla città, è una buona notizia.

Per ora solo buona e non “ottima”, perché il futuro del castello è ancora molto incerto, perché in proposito le intenzioni dell’Amministrazione comunale non sono ancora chiare, perché fatica ancora a farsi strada la consapevolezza della sua importanza e delle sue potenzialità e quindi un’idea forte di come farne un polo di attrazione. A sua volta con potenziali consistenti ricadute economiche.

Se Padova davvero vuole puntare con convinzione sul turismo culturale per il suo futuro, anche economico, - e ha tutti i numeri per farlo - non può sottovalutare il ruolo centrale che il castello potrà e dovrà svolgere: come monumento di enorme rilevanza storica e artistica in sé e al tempo stesso come contenitore in grado di ospitare quelle attività che non hanno finora trovato spazio altrove, dall’arte contemporanea alle grandi mostre, finora ospitate in spazi angusti oppure inadatti.

La scelta di valorizzare finalmente le mura da parte dell’amministrazione è senz’altro un segnale nella giusta direzione, ma il castello non è certo meno importante, anzi. Confidiamo che se ne torni presto a parlare. Nel frattempo in due conferenze del ciclo Urbs Ipsa Moenia dedicato a Castelli e mura che si inaugurerà l’8 maggio, del castello sveleranno aspetti ancora inediti, frutto delle ricerche di questi ultimi tre-quattro anni. È il nostro contributo alla causa del recupero di un monumento ancora troppo sottovalutato e in buona misura sconosciuto.

 

Leggi il nostro commento del 15 aprile

I giornali di oggi:

E del 1 maggio:

 
 
separator.jpg
separator.jpg

I nostri libri

Novità in libreria

PRIMA PAGINA

Archivio notizie comunicati appuntamenti