Home
Please wait while JT SlideShow is loading images...
Padova SotterraneaA Wall Play 2015ConferenzeFAImarathon 2012Il Grande Gioco 2015PubblicazioniMostra 500° 2014Mostra 1509-2009Mostra 500° 2014Le mura disvelate 2013Le mura disvelate 2014Le mura disvelate 2013Pulizia 2014MMM 2016MMM 2016MMM 2016
YoutubeFacebook
11 novembre 1916: la strage dimenticata al bastione della gatta Stampa E-mail

 

Guarda il servizio del Tg di TV7 >>>

cappella_gatta_tPer la gran parte dei Padovani la prima guerra mondiale è un fatto lontanissimo, ormai materia solo per gli appassionati di storia, da ritrovare in qualche libro, spesso polveroso, e in qualche film o documentario osservato distrattamente.

Invece un legame intenso unisce Padova con gli avvenimenti della Grande Guerra. La nostra città fu infatti "capitale al fronte" dopo i fatti di Caporetto; qui, in zona Santa Croce, e poi nella vicina Abano ebbe sede il Comando Supremo delle Forze Armate e infine a Villa Giusti alla Mandria fu firmato l'armistizio che chiuse il terribile conflitto.

Per Padova in quel periodo non ci fu però solo l'onore di illustri ospiti militari, ma anche un concreto prezzo civile da pagare. Se qui la linea del fronte non arrivò mai, arrestando gli austriaci sulla linea del Piave, a Padova giunse una nuova e terribile, per allora, tecnica di attacco: il bombardamento aereo.  Incursioni dal cielo certamente assai limitate se paragonate a quelle del secondo conflitto mondiale, ma assolutamente terrorizzanti proprio perché inedite e in grado di portare, per la prima volta, la guerra lontano dalla "prima linea" coinvolgendo anche i luoghi quotidiani della vita civile.

Durante la prima guerra mondiale Padova subì diciannove bombardamenti che, pur con ridotte capacità distruttive in senso militare, furono di notevole impatto sulla popolazione civile. Furono colpiti in vari momenti: il duomo, via Savonarola, la chiesa dei Carmini, il teatro Verdi, i palazzi comunali. In totale oltre duecento edifici colpiti, ma il più grave esito di questi raid aerei fu sicuramente la strage del 11 novembre 1916 presso il bastione della Gatta.

Numerosi sotterranei delle mura cinquecentesche, infatti, sembrarono allora (e anche, purtroppo, durante la seconda guerra mondiale) un luogo di sicuro rifugio contro gli ordigni provenienti dal cielo. L'incursione iniziò verso le 19,30 e fu breve in senso strettamente bellico, con 12 ordigni sganciati, ma pesantissima negli effetti. L'allarme giunse solo 15-20 minuti prima e molti abitanti delle zone attorno a piazza Mazzini accorsero al "rifugio". Una bomba, forse diretta alla vicina ferrovia, centrò l'ingresso delle casematte del bastione. Per tragica fatalità i padovani che qui accorsero si erano stipati proprio in quel punto perché la parte più interna del bastione era allagata a causa di piogge recenti. Si contarono novantatre vittime, alcune colpite dalle schegge e molte, sospinte dallo spostamento d'aria, annegate all'interno del bastione. Come spesso accade in questi tragici episodi perirono intere famiglie dai nonni fino ai nipoti, con il 30% delle vittime sotto i sedici anni.

In un' epoca in cui gli attacchi aerei erano molto discussi e per alcuni addirittura illegittimi proprio per il rischio a cui sottoponevano i civili, questa strage destò una grande impressione ed ebbe una risonanza internazionale al punto che la città di Padova non subì ulteriori incursioni per quasi un anno.

Le esigenze della città moderna portarono a costruire in quel luogo, pochi anni dopo, nel 1925, uno dei primi serbatoi dell'acquedotto creando, sulla sommità del bastione e sul vicino tratto di mura, un giardino pubblico (oggi noto, soprattutto, per il cinema estivo qui ospitato). Una costruzione a cui fu dato l'aspetto di una torre cilindrica, ma che alla base nasconde una cappella votiva circolare. Un luogo della memoria in seguito dimenticato e oggi ignoto alla gran parte della cittadinanza.

 

Testo a cura di Fabio Bordignon

 

gatta_serbatoio_tcappella_lampadario_tcappella_lapide_esterna_t

 

Il servizio del TG di TV7 sulla commemorazione della strage e sull'apertura della cappella (2011)

JavaScript disabilitato!
Per visualizzare il contenuto devi abilitare il JavaScript dalle opzioni del tuo browser.

 

Un altro servizio, del TGPadova di Telenuovo sull'apertura del luogo e sulla richiesta di un intervento di restauro (2014)

JavaScript disabilitato!
Per visualizzare il contenuto devi abilitare il JavaScript dalle opzioni del tuo browser.