Home 3 agosto 2020 - LA REGGIA RITROVATA. Visita guidata al Castello Carrarese
Please wait while JT SlideShow is loading images...
Padova SotterraneaA Wall Play 2015ConferenzeFAImarathon 2012Il Grande Gioco 2015PubblicazioniMostra 500° 2014Mostra 1509-2009Mostra 500° 2014Le mura disvelate 2013Le mura disvelate 2014Le mura disvelate 2013Pulizia 2014MMM 2016MMM 2016MMM 2016
YoutubeFacebook
Stampa E-mail

castello festival 2020


"LA REGGIA RITROVATA"

Il castello carrarese e il carcere che lo nasconde

visite guidate approfondite a cura del Comitato Mura

 

25, 26 luglio - ore 18:00

3, 8 agosto - ore 18:00

6, 7, 10, 12 settembre - ore 17:00

durata approssimativa della visita 1h 45'

 

PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA

Le visite sono a numero chiuso. Il numero massimo di partecipanti

rispetterà le disposizioni in vigore e potrà variare di conseguenza

 

info e prenotazioni

telefono 340 688 4564, email Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Ingresso da piazza Castello

 

ATTENZIONE: è OBBLIGATORIO indossare la mascherina

PER TUTTA LA DURATA DELLA VISITA

 

Le visite sono gratuite, ma sarà gradito un contributo libero

a sostegno dell'associazione Comitato Mura di Padova,

che per questo servizio non riceve contributi


Come ormai ogni anno, in occasione di Castello Festival 2020 il Comitato Mura di Padova mette a disposizione dei visitatori la propria approfondita conoscenza del Castello Carrarese, della sua storia, delle scoperte archeologiche, frutto di una assidua frequentazione nel corso delle varie fasi di ricerca, svolte dalla Soprintendenza, nell'arco di ormai due decenni.

Vi attendiamo per raccontarvene la storia (e le molte storie) e rivelarvene angoli nascosti e aspetti inediti, in parte esclusivi.

Un viaggio nel tempo, dentro al carcere che per due secoli ha nascosto, ma ha anche conservato "sotto pelle" vestigia importanti del trecentesco Castello carrarese. Che torna oggi alla luce in tutta la magnificenza delle sue sale affrescate e nella qualità delle soluzioni tecnologiche, all'avanguardia per l'epoca, che ne fanno, oltre, e più, che una fortezza, una autentica reggia signorile. Con l'aiuto dell'iconografia storica vi guideremo a riconoscere nelle celle e negli uffici del carcere  stanze affrescate per ospiti importanti e appartati studioli, camerate per soldati e servitù, sale da ricevimento e magazzini... ma anche le celle d'isolamento in cui furono forse rinchiusi i patrioti del 1848 e i locali dove, fino a pochi decenni fa, i detenuti costruivano le biciclette Atala e il motorino Califfo...

Se non l'avete mai visto, se l'avete visitato in fretta, se volete essere aggiornati sulle ultime scoperte, che nessuno vi ha ancora raccontato, ecco l'occasione!

Gli ultimi anni di ricerche da parte della Soprintendenza hanno confermato la straordinaria importanza di questa struttura, che troppi, anche fra le persone di cultura, consideravano irrecuperabile, dunque da destinare a un qualsiasi uso, anche privato. A partire dalla scoperta, nel 2007, degli affreschi della sala di Luigi il Grande d’Ungheria, le rivelazioni si sono succedute fino a riproporre il castello come una delle più ricche e sontuose residenze signorili di fine Trecento, in "competizione interna", per così dire, con la "reggia" che i Carraresi già possedevano al centro della città. Grazie ai molti altri frammenti di decorazioni a fresco ritrovati in un gran numero di ambienti, assieme alle tracce dei famosi camini cilindrici , ma anche di impianti igienici d’avanguardia per l’epoca.

Ricerche che il Comitato Mura ha seguito passo passo, per poterne divulgare i risultati con la consueta competenza e con la passione che ci anima.

Un autentico tesoro di storia e cultura di cui la città sta riacquistando consapevolezza e il cui recupero, fra mille difficoltà, è ormai avviato.


Si raccomanda l'uso di scarpe chiuse, meglio se con suola di gomma.

Si ricorda che la visita si svolge all'interno di edifici allo stato di cantiere, si raccomanda quindi di prestare attenzione nel corso degli spostamenti e di attenersi alle indicazioni degli accompagnatori




 
 
separator.jpg
separator.jpg

I nostri libri

Novità in libreria

PRIMA PAGINA

Archivio notizie comunicati appuntamenti